Le ultime misure del governo stanno procedendo verso un graduale snellimento dei bonus fiscali. La Legge di Bilancio 2024, in esame in Parlamento, infatti, sembra bloccare le proroghe per il Superbonus, mantenendo le attuali scadenze predefinite.

Superbonus

A partire dal 1° gennaio 2024 il Superbonus passerà ad un’aliquota del 70% e riguarderà solo lavori condominiali. Un’ulteriore riduzione si avrà, ancora, nel 2025 per cui le detrazioni per i lavori saranno al 65%.

Ricordiamo comunque l’attribuzione del bonus fiscale, che per le spese sostenute da condomini e persone fisiche si applica:

  • nella misura del 110% per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022;
  • nella misura del 90% per le spese sostenute nell’anno 2023;
  • nella misura del 70% per le spese sostenute nell’anno 2024;
  • nella misura del 65% per le spese sostenute nell’anno 2025.

Per le unità immobiliari, la detrazione al 110% è prevista per le spese sostenute entro il 30 settembre 2023, qualora sia stato effettuato almeno il 30% dei lavori al 30 settembre 2022.

Se, invece, i lavori sono iniziati il 1° gennaio 2023, si applica l’aliquota al 90%.

Si ha l’accesso in misura del 110% anche per gli interventi effettuati dagli istituti autonomi case popolari (IACP) per spese sostenute entro il 31 dicembre 2023.

Inoltre, se si è presentata la Cilas per i lavori dopo il 17 febbraio 2023 non è possibile usufruire di cessione di credito e sconto in fattura.

Ecobonus

Ancora per tutto il 2024 resterà in vigore l’ecobonus standard. Le agevolazioni possono arrivare fino al 75% per i lavori in condominio. Inoltre, per la sostituzione di finestre ed infissi, fino a tutto il 2025 è possibile usufruire del bonus barriere architettoniche, con rimborso del 75% in cinque anni, mentre per l’installazione di caldaia si può avere accesso al 50% del bonus ristrutturazioni.

 

Fonte Edilportale

Chiamaci per maggiori info:

0425.591102

346.1159068 (anche WhatsApp)